La sostenibilità che crea valore. Con il progetto giusto

La sostenibilità che crea valore. Con il progetto giusto

di Beatrice Castioni

“Small actions + lots of people: big change.”  

 

Pensiamo al modo in cui ci muoviamo nel mondo e alle risorse che consumiamo ogni giorno. A volte non chiudiamo il rubinetto quando ci laviamo i denti e teniamo la luce accesa anche se non dobbiamo andare in quella stanza subito. Che sarà mai la piccola dimenticanza di un singolo quando siamo così in tanti?

A rispondere ci pensa Dora Biondani, ingegnere aeronautico, che abbiamo recentemente conosciuto in un bell’incontro organizzato dall’associazione GirlGeekDinners di Verona, dedicato appunto alla sostenibilità.

Se tutti ci comportassimo pensando di non influire sull’ambiente con le nostre scelte, non è così difficile immaginare uno scenario in cui perdiamo definitivamente tutte le risorse e restiamo in balia di una natura “impazzita”. Uno scenario in cui essere sostenibili non sarà più un’opzione.

Quindi, perché non iniziare già da ora, anche se con estremo ritardo? “Il modo migliore per fare la differenza è cambiare il modo in cui consumiamo. È possibile informarsi grazie al Web, se davvero lo si vuole”, spiega Dora. Che ci racconta il suo percorso di vita.

Dora studia per diventare ingegnere aeronautico e si specializza in aerodinamica. Appena uscita dall’Università, trova lavoro in una piccola-media impresa vicentina, e si occupa di sviluppare una nuova linea di prodotti di energia rinnovabile: microturbine eoliche. Segue un corso in project management sulla cooperazione internazionale e un master in gestione delle risorse idriche per la cooperazione internazionale. E proprio grazie a quest’ultimo parte alla volta della Giordania, dove oggi vive e lavora. Prima con un progetto sulle energie rinnovabili finanziato dall’UE per l’installazione di pannelli solari, boiler solari termici per il riscaldamento dell’acqua e l’introduzione di misure che possano consumare meno risorse. Poi con un progetto per lo smaltimento dei rifiuti, la riparazione di condotti idrici e la formazione di disoccupati giordani e siriani.

Avendo appurato che essere sostenibili e risparmiare sull’energia è molto più che un dovere morale, capiamo perché per Dora è così importante: “il termine sostenibilità è oggi abusato, quasi fosse una moda. Per me però significa equilibrio e bilanciamento, e deve comprendere le sfere del sociale, dell’economia e dell’ambiente”, spiega.

Ma è fondamentale, racconta, che si creda davvero in uno stile di vita sostenibile, che possa venire incontro ai nostri valori. “Solo in quel momento si sarà automaticamente sostenibili anche a livello globale.”

Dora la sua scelta l’ha fatta, per se stessa e per l’ambiente: va bene avere l’ambizione di realizzare qualcosa di importante ma dobbiamo tener sempre a mente che siamo noi i primi a poter fare la differenza. Le piccole, grandi rivoluzioni partono dal basso. Basta volerlo.

#proffice #pressoffice #communication @girlgeekdinners #sustainability @dorabiondani 

#green

No Comments

Post A Comment