Milano Wine Week: l’importanza di esserci

Milano Wine Week: l’importanza di esserci

Milano Wine Week 2019 ha chiuso i battenti con un successo di pubblico e di operatori. Da sola la foto dei 3000 calici di Trento DOC alzati in Piazza Tre Torri riassume in sé tutta la potenza di una manifestazione che sa essere contemporaneamente spazio di piacere e luogo di lavoro.

Dall’aria frizzante del SuperStudio Più di via Tortona, dove ha avuto luogo Bottiglie Aperte, a Palazzo Bovara, quartier generale della manifestazione, sono state decine gli appuntamenti. Occasioni di scambio e momenti di confronto, con un occhio di riguardo ai giovani che al vino guardano con passione. Ma anche con interesse professionale.

Milano dunque – con i suoi 60 musei, le sue oltre 150 gallerie e studi d’arte, l’Università, la Borsa – si conferma ancora una volta mente e cuore pulsante dell’Italia. La cartina di tornasole di un comparto che, nonostante la crisi, sa ancora tenere il passo.

Accompagnare le aziende in un evento come questo è senza dubbio una grande sfida dal punto di vista della comunicazione. Significa mettersi in gioco per davvero; esserci per farsi sentire sul serio e brillare anche quando la luce che ti puntano addosso illumina tutti allo stesso modo.

Milano Wine Week è molto faticosa ma ne vale la pena!

 

#wine #pr #comunicazione #pressoffice #milano #MWW #communication  #proffice #MilanoWineWeek

@federicogordini @palazzobovara @lucianoferraro @milanoevents

No Comments

Post A Comment